martedì 23 settembre 2008

Has opened in Beijing the biggest italian food center - Piazza Italia porta la distribuzione del food made in Italy in Cina




In Beijing has opened the first of three floors of Piazza Italia, the biggest Italian food center of the world, which, with a range of 2,000 Italian products, is a unique way of approach, taste and buy the best Italian food. 

With more than 500 tickets and 1,000 visitors a day, is already a success, which bodes well for the future where by September will start operations in October of the second and third floor. 

Open from 7 am to 2 at night, every day of the week, the Center, headed by an Italian manager, is followed by 91 employees, both Italian and Chinese, of which 27 per brigade of the room and 38 for Brigade kitchen, led by an Italian chef to offer customers the Chinese show of Italian preparation.

After Beijing will follow the flag shops of Shanghai, Hangzhou and Tiaanjim, with a total investment estimated around 9 million euros, with the completion of the 4 holes, it is expected a turnover of 35/40 million euros. 

From Italy will be imported to 40% packaged food, 30% hams and cheeses, wines to 20% and 10% olive oil. The second phase of the project involves the development of an indirect network franchise.

On the following the analisys edited by Fabiana Podreider Lenzi, published on our Media Partner, Corriere Asia


Crai apre in Cina: Piazza Italia è il nuovo mega food center di prodotti Made in Italy


PECHINO: Entro il mese di ottobre sarà completato il centro di Pechino, di cui oggi e' aperto solo il primo dei tre piani previsti dal progetto, mentre sono gia' in cantiere aperture a Shangai, Tiaanjim e Hangzhou, per un investimento complessivo che viaggia intorno ai 9 milioni di euro a regime e un fatturato stimato in 35/40 milioni. Nei mega store Piazza Italia arriverà l'eccellenza della gastronomia italiana, quella artigianale e quella industriale di qualita': dai pelati in scatola alle orecchiette di Bari, dal prosciutto di San Daniele alle friselle salentine.
Dei 2mila prodotti che sbarcheranno in Cina, il 40% saranno alimentari confezionati, il 30% formaggi e prosciutti, il 20% vini e il 10% olio d'oliva. Al primo piano del mega food store di Pechino, nel cuore del quartiere di lusso della capitale (China central Place) e' gia' disponibile una galleria di tipicita' artigianali Dop, Igp, una scelta di eccellenze vitivinicole e di prodotti industriali di alta gamma. 

Al secondo piano del centro, che sara' completato entro la fine del mese di settembre, sara' aperto un angolo per la gastronomia calda e fredda, uno spazio dedicato alla pasta e alla carne, 145 metri quadrati di enoteca, un'oleoteca con 70 etichette diverse di extra vergine, ma anche un'area per gli accessori per la casa, una scuola di cucina italiana e altri spazi in cui fermarsi e assaggiare. 
Al terzo piano, previsto entro la fine di ottobre, ci sara' un ristorante alla carta, un bar e un salone per grandi eventi. Il centro sara' aperto dalle 7 della mattina alle 2 di notte,impiegherà 91 persone e sarà gestito da un manager italiano. Il progetto e' firmato da Trading Agro Crai, societa' per azioni nata a luglio 2007, partecipata da Crai Secom, Consorzio Grana Padano, Cavit, Conserve Italia, San Daniele srl, Frantoi Artigiani d'Italia, Boscolo Etoile del gruppo Boscolo che si occupa della parte ristorativa e da Emanuele Plata, amministratore delegato, con il supporto di Simest, finanziaria pubblico-privata, guidata da Massimo d'Aiuto con il supporto del Ministero del Commercio Internazionale, del Ministero dell' Agricoltura e Confagricoltura . 

E' una vecchia recriminazione dei produttori italiani : il camabert e lo champagne devono molto della loro popolarità internazionale al supporto loro fornito dalle grandi catene francesi es. Carrefour. 
L' italian food non ha mai avuto sponsor altrettanto efficaci. Alcuni segnali di cambiamento sono in corso: Autogrill con la sua catena di ristorazione diffusa in tutto il mondo e il graduale ingresso di Coop in Europa dell'Est a cui ora si aggiunge Crai che pero' sta giocando la sua carta in un modo originale, con una formula a geometria variabile a seconda della area geografica coinvolta. 
L' Italia ha cercato per lungo tempo di identificare strategie commerciali che fossero in grado di accedere al mercato cinese anche ad aziende di piccole e medie dimensioni con prodotti originali e di elevata qualita' sfruttando la popolarita' del Made in Italy ma finora hanno avuto poco successo. 

L'iniziativa Trading Agri Crai e' mirata al settore agro alimentare e poggia su basi molto solide: e' un' alleanza che coinvolge tutta la filiera, giudata da un pool di marchi forti con competenze differenziate che vanno dalla produzione alla trasformazione alimentare al catering passando per la distribuzione. Può offrire a tutte le aziende coinvolte consistenti economie di scala, con un notevole abbassamento dei costi logistici, di promozione e agenzia, delle attività complementari tipo etichettatura e certificazione dei prodotti, nonché la tutela e la registrazione di tutti i marchi. Dopo la Cina sono gia' in corso trattative per aperture in India e Russia.
Fabiana Podreider Lenzi


sabato 13 settembre 2008

100% Design Tokyo: successful international exhibition in Japan



100% Design was established in London in 1995, growing from a small marquee in the Kings Road to become the world's most influential contemporary interiors event, attracting the attention of the press, encouraging product innovation, hot-housing new design stars, and educating the taste of consumers. Bringing contemporary design into the mainstrea.

100% Design is an exhibition with a difference. It is dedicated to the latest and most innovative contemporary interior products, and is renowned for changing the face of the UK design industry. The event will provide a designed commercial environment where exhibitors have an unparalleled opportunity to meet and do business with a professional audience of architects, buyers and other commercial specifiers.

100% Design Tokyo made its sensational debut in 2005. Receiving an overwhelming response from both the international and domestic design community as a new and highly respected design event, 100% Design Tokyo has already established itself as Japan’s premier contemporary interiors event.


Our Opinion
How about the partecipation of european companies to 100% Tokyo Design 2007 edition?


When we talk about production and research on design field almostly we think about Italy and the reference of important events or exhibitions like Salone del Mobile is so immediate that often  we end to forget other opportunities are taking place on international scene, developed to promote newest design trends and solutions. 

That's it for 100% Tokyo Design, probably too young event to be held one of the most important exhibitions about design field.  But we should consider that  companies operating on fresh design markets like Spain or  Netherlands had taken part to 2007 edition with high belief and over passed italian brands or studios about presence at the event.

 A show of  trust  into japanese interest for european design that probably it'll be rewarded in terms of business communication and  mutual cooperation.  That's why our information activity usually focus its attention on events that italian companies or designers usually don't care.

Asian Studies Group, as multidisciplinary association focused on consulting, business mediation and professional education and training programs on eastern asia countries, will be present at the event with professional staff and is promoting its support to manage a business mission in Japan.

In this way we'd want to help italian or european companies operating on design field to intensify their communication and products presentation with potential japanese partners.

For further information and free consultation, please feel free to contact us. 

ASIAN STUDIES GROUP, 
multidisciplinary association focused on  training and business projects for  Eastern Asia - China & Japan.
Main office in Milan, Branch in Rome - Italy
Support Desk in Shanghai - China and Tokyo - Japan

On the following the show profile and the link to access the exhibitor list 2007


Show Profile
DateOct30-Nov3, 2008
Opening Hours10:00 - 20:00 ( Last entry is untill 19:30 )
Oct. 30 and 31, from 10:00 to 16:00, are reserved for trade.
Other hours are open for public.
LocationJingu gaien (Tokyo/ Aoyama area)
OrganizerDESIGN ASSOCIATION NPO/ Reed Exhibitions




EXHIBITOR LIST 2007







giovedì 11 settembre 2008

Good opportunities on Asian markets for Italian Shoes - Aspettando MICAM, ottime opportunità per l'export di scarpe italiane in Asia


 MICAM is newest independent trade fair for the footwear industry. It has been developed as a result of demand from suppliers and industry stakeholders for a high quality, industry operated and truly independent footwear fair for the Italian market. MICAM ShoEvent is displaying collections with a superior stylistic content, which range from trendy to elegant, from the most up-to-date styles for the contemporary woman to exclusive models for the classic man, always with superior quality achieved with specially selected materials, careful workmanship and attention to detail.

MICAM pupularity increased so much lately that several governments, in particular in East Asia, have recently developed new programs for national companies operating in the footwear industry. According to our research's activity for business opportunities and market communication with China and Japan, it'd seem quite interesting the last support program presented by  METI , Ministry of Economy, Trade and Industry of Japan.

To help the Japanese leather shoe industry cultivate overseas markets, the Ministry of Economy, Trade and Industry will set up a Japanese booth in MICAM SHOEVENT, which is the largest international footwear exhibition in the world and will take place in Milan, Italy. By providing the exhibition space, METI will support participation of Japanese companies in the fair.

This is the first time that a Japan booth will be established at MICAM under the auspices of the Japanese government. There will be 16 Japanese leather shoe manufacturers showing their products, advertising the excellent quality and design of leather shoes made in Japan to foreign buyers.

It's very easy to understand why Japanese Government, despite the recent recession, is promoting business support in this field. According to the latest research edited by ANCI, (National Association of italian shoe factories) in the 2007 national exportation's volume of 6% has been rapresented by shoes exportations into Asian Markets, for about 7 million of shoes.

The most important market, of course, is Japan (194 million of euros) but compared to 2006 the market registered a decline of sales (about 8%). Indeed so surprising are the sale values in Hong Kong, (+23,6%) and obviously in China (22,7%). But the most important country for sale's volume that recently is always increasing is rapresented by India. In the last year indian market registered the surprising selling growth of 519%!! We have also to consider the importance of South Corea (+11,9%) probably the most strong market for retail's and online sells.

On the following the italian interview with Dr. Leonardo Soana, Managing Director of ANCI - the article is edited by Emanuele Confortin, in collaboration with Corriere Asia, our media partner.
English version available on request.

Dall'Anci ottime prospettive per l'export di calzature italiane in Asia.
La storia è nota: con la globalizzazione dei mercati e l'evoluzione dei modelli competitivi, l'Asia è riuscita in breve a far sentire il proprio peso. Paesi come Cina, India, Vietnam, Indonesia e Tailandia, hanno saputo assecondare le nuove esigenze produttive giunte soprattutto da Occidente, innescando una rapida corsa agli investimenti e alla delocalizzazione. Fiumi di euro e dollari hanno iniziato a trasformare il volto delle capitali prima e delle città industriali poi, portando assieme a grattacieli e autostrade, anche ricchezza e nuovi bisogni. Del resto si sa, la crescita economica va a braccetto con il consumismo, e soprattutto nel caso dell'Asia l'alchimia si è trasformata in opportunità da non perdere. Parliamo di mercati dal potenziale inesauribile, forti di miliardi di individui sempre più attenti a ciò che il mondo può offrire, e perché no, disposti anche a spendere. Siamo qui in un ambito vitale per il futuro delle economie occidentali, ovvero la creazione di opportune strategie di penetrazione commerciale in Asia. Partecipa al gioco anche l'Italia, con molte imprese in grado di offrire innovazione, gusto e qualità, ingredienti principali dell'Italian Style.  Tra i prodotti simbolo della tradizione industriale italiana, quelli più conosciuti e apprezzati al mondo sono le calzature. Siano queste in pelle o tessuto, da uomo o da donna, aperte o chiuse, le scarpe italiane detengono una posizione di leadership nei mercati internazionali, soprattutto in Europa e America, ma come vanno le cose in Asia?  Riferendo alle elaborazioni Anci (Associazione Nazionale Calzaturieri Italiani) su dati Istat, si nota che nel 2007 l'Asia ha originato il 6,0% del giro d'affari totale, pari a quasi 7 milioni di calzature. Interessante notare come qui confluiscano le calzature più costose (in pelle da passeggio), pari ad un prezzo medio di 59,54 euro, rispetto ai 23,07 euro di quelle vendute in Europa e 39,81 euro del Nord America. In testa il Giappone, con 194 milioni di euro (-8,0% rispetto al 2006), segue Hong Kong con 91,323 milioni di euro (+23,6%), poi Corea del Sud 51,495 milioni (+11,3%), Cina 25,16 milioni (+22,7%), Taiwan 15,492 milioni (+1,4%), India 9,048 milioni (+515,9%). A compendio delle valutazioni statistiche, abbiamo chiesto il parere del dott. Leonardo Soana, direttore generale di Anci Calzature, associazione che rappresenta 800 aziende italiane di settore.  

Emanuele Confortin: dottor Soana, non ci sono dubbi sul fatto che l'Asia costituisca un'opportunità da non perdere per i calzaturieri italiani, ma qual è la loro percezione dei mercati orientali?  

Leonardo Soana: certo, l'Asia ha molto da offrire, le aziende italiane se ne sono accorte e si stanno muovendo di conseguenza. In alcuni casi come in Giappone si può parlare di mercato maturo, almeno nel contesto asiatico. Vengono poi altre realtà sulle quali stiamo spingendo assieme per incentivare l'esportazione dei nostri prodotti.  

E.C.: tanto per chiarire, immagino si parli di calzature di alta qualità?  

L.S.: assolutamente, in Asia hanno senso prodotti di fascia media e medio alta, oltre al lusso ovviamente. Sarebbe impensabile andare a proporre calzature di bassa qualità, magari in Cina, dove ogni anno vengono prodotte 9 miliardi di scarpe di tutte i tipi. Dobbiamo distinguerci, e la qualità è un modo per riuscirci.

E.C.: secondo la vostra esperienza quali sono i Paesi più ricettivi?

L.S.: come detto il Giappone, poi vengono Sud Corea e Hong Kong, qui si può dire di aver ottenuto dei risultati positivi. Poi c'è la Cina, forte di centinaia di milioni di persone che hanno visto mutare radicalmente le proprie possibilità di spesa, e allo stesso tempo sembrano cogliere le differenze tra un prodotto scadente e uno di qualità. Per il momento ci stiamo muovendo a Pechino, poi verrà Shanghai. Resta comunque il fatto che la Cina è ostica, non per mancanza di interesse verso i prodotti, ma per l'inadeguatezza della rete distributiva. Questo è un limite che dovrebbe sparire progressivamente, lo dimostra anche l'apertura del Governo, il quale ha ridotto i dazi sull'importazione dal 20% al 10-12%, lasciando trasparire una atteggiamento di apertura da non sottovalutare.  

E.C.: mi stupisce che non si parli di India. Senza dubbio gli ingredienti ci sono tutti: economia in forte crescita, metropoli moderne, un mercato potenziale di centinaia di milioni di persone, e cosa non secondaria una percezione del gusto vicina alla nostra e più evoluta rispetto ai cinesi. Immagino vi stiate muovendo anche qui?  

L.S. guardi, a dire il vero l'India è un mercato problematico e difficile da approcciare. Hanno dei dazi elevati, doppi rispetto alla Cina. Poi sono ottimi produttori di calzature, con 700 milioni di pezzi all'anno, quindi riescono a coprire buona parte del mercato interno. C'è stato un tentativo a New Delhi nel passato, con una fiera dedicata alle calzature italiane ma non ha avuto molto successo. Poi abbiamo lasciato stare. 

E.C.: non crede che un tentativo e via sia un po' poco per un mercato come quello indiano?  

L.S.: il fatto è che noi ci muoviamo come sistema, quindi riunendo diverse aziende dobbiamo darci delle priorità e puntare sulle realtà che al momento danno maggiori prospettive. Concordiamo sul fatto che l'India sia destinata a diventare un mercato importante, così come confermato dai rapporti Ice, e nel futuro ci torneremo. 

E.C.: fino ad ora ha accennato ad alcune difficoltà, ci racconta qualcosa di più in merito? 

L.S.: non è un segreto che in Asia si concentri la produzione mondiale di calzature, il che permette ai singoli Paesi produttori di riuscire a coprire buona parte della domanda interna, ecco perché vendono esclusivamente i prodotti di lusso. Poi la questione dazi, in alcuni casi talmente alti da inibire l'approccio commerciale da parte degli esportatori. Segue la mancanza di una rete di distribuzione reale, ragion per cui l'ideale l'apertura di negozi monomarca, soluzione non accessibile a tutti.  

E.C.: e per quanto riguarda Vietnam, Tailandia e Indonesia?  

L.S.: anche in questo caso parliamo di economie vivaci, in rapida crescita, tuttavia siamo all'anno zero in quanto non abbiamo ancora tentato un approccio.

E.C.: passando a questioni pratiche, è risaputo che la base per una penetrazione commerciale efficace passa per l'individuazione di partner locali. Nel vostro caso che tipo di rapporti vengono ad instaurarsi?  

L.S.: i partner locali sono indispensabili, così come lo è la presenza di personale italiano dedicato a questo particolare Continente. Solitamente vengono stabiliti degli accordi con importatori, tuttavia in Giappone si lavora anche avvalendosi di distributori.  

E.C.: bene, una volta valutate le potenzialità di un mercato asiatico, individuato il partner locale e presentate le prime collezioni, quali sono i tempi indicativi per riuscire ad ottenere dei risultati? 

L.S.: è difficile dare una risposta valida per tutti. Dipende da quanto un'azienda investe e crede nel progetto, comunque potremmo parlare di almeno due anni.  

E.C.: Esistono fiere interessanti per le nostre calzature? E quali vanno per la maggiore, da uomo o da donna? L.S.: Vendono meglio le calzature da donna, piace molto un prodotto moda, in pelle. Bene anche l'uomo, in questo caso va il classico. Per quanto riguarda le fiere, sono concentrate in autunno e primavera. L'unica fiera internazionale della calzatura in Asia è l'Aplf (Asian Pacific Leather Fair) ad Hong Kong (quest'anno dal 2 al 4 ottobre, bissata ad aprile). Poi viene Shoes From Italy, due eventi dedicati alle calzature italiane, ai quali partecipano 50 aziende, organizzati da noi in collaborazione con l'Ice: a Tokyo dal 7 al 9 ottobre, a Pechino dall'11 al 13 ottobre, e riproposti ad aprile.  

E.C.: un prodotto di qualità è importante per vendere, ma quanto incidono delle opportune strategie di comunicazione?  

L.S.: sono fondamentali. È importante la presenza alle fiere, così come riuscire a formare nel modo corretto i partner asiatici cui spetterà poi la diffusione dei prodotti. Devono essere in grado di vendere ovviamente, e di farlo bene, ovvero trasmettendo il concetto di un prodotto frutto di tradizione e stile italiano. Ovvio che non guasterebbe nemmeno il supporto pubblicitario, se non su stampa e media, almeno a livello di visual merchandising nei punti vendita, in modo da distinguere il più possibile il brand.


lunedì 8 settembre 2008

Seventh Shanghai Biennale, the development of urban spaces


TRANSLOCALMOTION

The 2008 edition proposes to focus on one of the most import cornerstones of urban design: the public square which is a prime location of transfer, connection, connectivity, meeting, social and economical exchange. As a starting point for the Seventh Shanghai Biennale the curatorial team suggested utilizing People’s Square, of which the Shanghai Art Museum is actually part of. This public square seems to contain on a small-scale level a lot of crucial issues that the current Chinese society faces today. One of the most significant aspects of these is the migration from underdeveloped rural areas to developed urban spaces, in search of opportunities amidst the drastic social and economic changes in China.

____________________________________________________________

CURATORIAL TEAM

Zhang Qing (artistic director), Deputy Director of Shanghai Art Museum. http://www.shanghaibiennale.com

Julian Heynen (curator), Artistic Director of K21 Kunstsammlung Nordrhein-Westfahlen in Dusseldorf, Germany, http://www.kunstsammlung.de

Henk Slager (curator), Dean Utrecht Graduate School of Visual Art and Design, Utrecht, The Netherlands,http://www.mahku.nl

Xiang Liping (assistant curator), coordinator Shanghai Biennale Office

Li Ning (assistant curator), curator Shanghai Art Museum.

PRESS CONFERENCE 

Ifa Gallery Berlin, Linienstrasse 139-141, April 4, 1-2 PM 

CONTACT

Shanghai Art Museum
325, Nanjing Road West
Shanghai 200003, China
Tel: 86 21 632272829257


ITALIAN VERSION REVIEW

Dalla recensione di Luisa D'Auria, pubblicata su Corriere Asia dell'8 settembre -


SHANGHAI: L' attesissima settima edizione della Biennale di Shanghai si apre oggi allo Shanghai Museum of Art e sarà visitabile fino al prossimo 16 novembre. Il tema per quest'anno è la "Translocalmotion" che porta con sé una proposta di riflessione sulle dinamiche dello spazio e su chi lo abita senza dimenticare la continua e costante urbanizzazione che lo caratterizza. 

Non a caso sono arrivati alla Biennale aeroplani, treni, trattori e persino cavalli: mezzi di trasporto nei quali risuona costante il tema dell'esibizione. Un numero impressionante tra video, dipinti, installazioni, opere interattive, sculture e fotografie create da circa 60 artisti provenienti da 21 paesi, decora ogni angolo del museo. I curatori qust'anno come non mai prima si sono adoperati per sfruttare al massimo il limitato spazio a loro disposizione, e l'unica soluzione possibile è stata quella di utilizzare anche parti "secondarie" come toilet, corridoi, soffitti e persino la zona esterna e circostante il museo, facendo di tutto complesso un'opera d'arte unica. 

Nonostante la carenza di spazi, un intero piano del museo: il secondo, è stato allestito con le opere di tre soli artisti: l'americano Mike Kelley, il cinese Yue Minjun e il duo danese Lonnie Van Brummelen and Siebren De Hann. Questa scelta crea una sorta di mostra nella mostra per illuminare coloro che sono ritenuti essere al centro dei riflettori per il 2008. 

L'idea del curatore cinese Zhang Qing sebbene rischiosa (non è mai avvenuto prima ad una biennale che un intera sala espositiva venisse dedicata a un numero tanto esiguo di artisti), è stata ben accolta dai due curatori stranieri che l'hanno considerata una reazione alla tendenza solita delle biennali di contenere in un unico ampio spazio una moltitudine di pezzi e stili artistici differenti e, inoltre, la scelta attuale crea all'interno del secondo piano un effetto visivo improvvisamente diverso e quasi in contrasto con il resto del museo. In realtà i tre artisti sopra citati sono anche coloro che meglio rappresentano il tema della biennale: Kelly mostra delle parti tratte da due gruppi di lavori che raffigurano una città utopica del futuro, il duo danese presenta quattro film muti, mentre del cinese Yue è esposto una serie di dinosauri di diversa grandezza con facce umane. 

Proprio la proposta di Yue aveva inizialmente suscitato delle polemiche, si era detto che non aveva alcun riferimento al tema della biennale. Fondamentale è stato il sostegno dei curatori al fine dell'esposizione. In particolare Zhang Qian ha visto nei dinosauri con il viso umano una perfetta metafora della condizione dell'uomo sul pianeta: come i dinosauri dominavano la terra millenni di anni fa ma si estinsero per ragioni naturali o fattori sconosciuti, così l'essere umano sta oggi attraversando crisi difficili da gestire come il riscaldamento globale e la carenze di fonti di energia: è l'uomo destinato a vivere lo stesso destino? I visitatori del museo saranno incuriositi anche dalla presenza di una gigantesca locomotiva ferma proprio all'ingresso del museo. Il treno è un simbolo collegato ad una pagina precedente della storia della Cina, quando, durante la Rivoluzione Culturale (1966- 1976), giovani cinese venivano mandati dalla città alle campagne per un periodo di "rieducazione". Si parla di circa 10 milioni di giovani che si spostarono dalle zone urbane a quelle rurali, alcuni dei quali non tornarono più indietro. Secondo il curatore Zhang, il treno rappresenta le gioie, le lacrime, la passione e i sogni di un'intera generazione. Il treno di 45 tonnellate di peso è stato trasportato da Hangzhou fino a Shanghai non senza incontrare un numero indefinito di difficoltà, lo stesso vale per un aereo di 19 metri di lunghezza fatto di tessuto, legno e acciaio inossidabile. 

L'opera è di Yin Xiuzhen ed è la copia di un jet 747, sulle cui ali sono sospesi una macchina e un trattore mentre all'interno sono esposti costumi delle minoranze cinesi. Ai visitatori è concesso di salire sull'aereo per godere dell' esibizione da un altro punto di vista. L'aereo simboleggia lo stato attuale della Cina e dei cinesi stessi: la Cina si muove incessantemente e i suoi abitanti si spostano continuamente da un posto all'altro, dalle città alle campagne, dalle campagne alle città, ma anche dalla Cina all'Occidente e poi di nuovo dall'Occidente alla Cina. Il tema della "Translocalmotion" si concentra anche sul delicato problema della emigrazione e sulle implicazioni economiche, sociali e culturali dell'urbanizzazione. Infine, da non trascurare l'invenzione artistiche di Chen Zhiguang che con le sue formiche rampicanti sulla facciata dell'edificio del museo rende facilmente localizzabile la venue della biennale anche ad un visitatore che non conosce Shanghai. 

Il museo sarà visitabile tutti i giorni dalle 9 alle 17 e l'ingresso è di soli 20 rmb.

Luisa D'Auria
ASG - Research Staff in China

martedì 2 settembre 2008

New opportunities on design field: Autodesk promote in China community of designers developed for high level projects



 China’s desire to give its home-grown design and engineering students the skills to compete in the global market received a boost in March, when Autodesk launched a student design community for the country.

The design innovation technology company has created a web portal in co-operation with the ministry of education that offers students from several of China’s universities free downloads of the latest digital design tools for specialities related to architecture, building and mechanical engineering.

The initiative is part of Autodesk’s overall education strategy to train a new generation of skilled graduates who can meet the employment needs of China’s fast-diversifying economy.

Three years ago, the group set up a Center of Excellence computer laboratory with cutting-edge design technologies in collaboration with leading Chinese universities to develop a multidisciplinary curriculum customised to student needs.

Currently, Tsinghua University, Tongji University, Harbin Institute of Technology, South China University of Technology (SCUT) and Shanghai Jiao Tong University benefit from this project.

As public and private sector organisations in China increasingly recognise the opportunity the global design industry offers the local economy, China’s universities are realising the importance of partnering with global leaders such as Autodesk.

The industry ventures are in line with a recent government campaign to focus on “independent innovation”. The goal is to move away from “Made in China” to “Designed in China”, by creating value-added, home-grown products, services and technologies.

From FT Analisys

ITALIAN ARTICLE FROM CORRIERE ASIA - Edited by Dr. Paolo Cacciato - Asian Studies Group Research Staff


SHANGHAI: Made in China imperante su ogni settore produttivo e commerciale? Forse sì o forse non più. L'atmosfera energica post olimpiadi sicuramente ben si sposa con la ferma intenzione del governo di Pechino nel fare del proprio Paese non solo centro di produzione ma anche di progettazione. E quale biglietto da visita migliore e avvincente se non quello del design? L'opportunità è offerta da Autodesk, azienda leader e le università e il ministero dell'istruzione colgono la partnership al volo.

La percezione comune diffusasi nell'ultimo ventennio a macchia d'olio sul panorama commerciale internazionale richiama al protagonismo del made in china su ogni settore. 

La diffusione di un marchio distintivo, quella della produzione cinese, trascina con sé timori, perplessità ma come spesso accade il guadagno di molti.

Quello che però pare essere cambiato è il coinvolgimento cinese in questo rapporto produttivo. La Cina post olimpiadi sembra procedere stanca e a tratti mortificata da questo ruolo di "vincente produttore low cost dai dubbi parametri di qualità" e la pone in uno stato di sentito interesse per quelle opportunità che verrebbero a rappresentare un riscatto per l'immagine imprenditoriale e commerciale del Paese. 

Un'occasione simile l'ha offerta Autodesk, azienda leader nel settore delle tecnologie applicate alla progettazione design che ha avviato con brillanti risultati la creazione di una comunità di studenti universitari e centri di studi coinvolti in una sinergia di valore atta a fare della Cina non solo il luogo del "made in china" ma anche del "designed in China".

La cooperazione nasce tra l'azienda leader e il ministero dell'Istruzione e ha portato alla realizzazione di un portale da cui gli studenti di facoltà coinvolte possono accedere gratuitamente al download di pacchetti professionali d'alto livello messi in circolazione da Autodesk e sviluppare così durante attività di stage professionali e ricerche interne ai dipartimenti, dei veri e propri laboratori di progettazione per settori quali costruzioni, architettura, industrial design, ingegneria meccanica.

L'iniziativa sta velocizzando l'inserimento dei giovani laureati cinesi sul piano di comunicazione internazionale nel settore del design, permettendo loro di interfacciarsi da subito con applicativi professionali e di sperimentare in attività di training condotte da aziende straniere il confronto con working solutions di portata internazionale. 

Questo programma, unito a quello sviluppato oltre tre anni fa per la creazione di un centro di eccellenza informatica interno agli atenei, proietta la Cina in una posizione d'avanguarda almeno per quanto riguarda formazione e strumentazioni a disposizione degli studenti.

L'intenzione ministeriale punta alla preparazione linguistica, tecnica e di approccio open mind dei suoi migliori studenti, chiave di volta per la diversificazione del mercato. Gli atenei coinvolti sono la Tongji University, l'Harbin Institute of Technology, la South China University of Technology (SCUT), e la Jiao Tong University di Shanghai.

La portata generale del progetto pone la Cina in una luce diversa nel dialogo formativo con gli altri paesi e nello stesso tempo lascia riflettere sulle nuove prospettive di competitività per il mercato di riferimento.

I centri europei e italiani in primis hanno molto da dire e da giocare su un settore conosciuto e valorizzato da molti anni, ma è indubbia la tenacia e la preparazione della classe di laureati cinesi: padronanza perfetta di 2 o 3 lingue straniere, conoscenza di applicativi professionali già da neolaureati, e soprattutto voglia di conoscere e approdare verso nuove soddisfazioni professionali. 

E' possibile preservare un primato internazionale sul design senza il coinvolgimento diretto di aziende di primo ordine e istituzioni? ma soprattutto quanto gioca la consapevolezza di essere, nel bene o nel male, il centro del mondo mediatico, economico e produttivo già per la formazione di figure tecniche d'alto livello? La risposta comincia ormai ad essere evidente...
Si è verificato un errore nel gadget